Call us toll free:
Nessuno deve rimanere indietro !
Call us toll free:
20 ott 2014
Commenti: 0

Creative Commons e Copyright, le licenze nel digitale

Creative Commons
Le licenze di Creative Commons sono state ideate nei primi anni del nuovo millennio dal Prof. Lawrence Lessig, uno dei massimi esperti statunitensi nel settore del Copyright, e dal suo gruppo di lavoro della Stanford University. Il Creative Commons è un modello intermedio che va ad inserirsi tra i due estremi rappresentati dal diritto d’autore tradizionale, nel quale tutti i diritti sono riservati, e dal public domain, caratterizzato dal principio nessun diritto riservato. Nello specifico, le licenze di Creative Commons si insediano all’interno del perimetro delineato dal Copyright e, prendendo le mosse dal modello alcuni diritti riservati, permettono al detentore dei diritti d’autore di disciplinarne utilizzo e distribuzione, riservandosi solo alcuni dei diritti che la legge, altrimenti, gli riconoscerebbe di default. Le motivazioni che nel concreto possono spingere il titolare dei diritti d’autore a preferire il Creative Commons al Copyright sono moltissime. In genere la scelta si basa su un semplicissimo assunto: non sottoporre le proprie opere agli schemi di protezione imposti dalla normativa sul diritto d’autore, ritenendosi, al contrario, proficuo – non in termini economici diretti, quanto indiretti, ossia in ragione della maggior diffusione delle opere – condividere con gli utenti la circolazione dei contenuti.

Leggi di piĆ¹